venerdì 15 gennaio 2016

La casetta nera

Finalmente una nuova fiaba per il fine settimana.

Ringrazio il blog The rooms of my life per la gentile concessione della splendida immagine che me l'ha ispirata.




La casetta nera

C’era una volta un ridente villaggio arrampicato su una dolce collina, pieno di graziose casette di tutti i colori che si pavoneggiavano nelle belle giornate primaverili.

“Guardate come sono bella!” diceva una casetta gialla che scintillava nella luce del sole attirando tutti gli sguardi.
“E io, allora?” interveniva una casetta azzurra: ”Persino il cielo mi ha rubato il colore!”

Quello che è certo è che quelle casette, tutte insieme, erano proprio belle e i visitatori se le indicavano l’un l’altro senza stancarsi mai di guardarle.

Solo una casetta se ne stava sempre zitta, in disparte. Il suo esterno era nero come la pece e, anche se le stanze al suo interno erano chiare e ariose, nessuno aveva mai voluto abitarci.

Arrivò l’estate e tutti i balconi e i davanzali si coprirono di fiori che rendevano le costruzioni ancora più allegre e attraenti. Rossi gerani attiravano gli sguardi e petunie di tutti i colori tracimavano dai vasi come cascate di arcobaleno. Ma naturalmente nessuno mise fiori alle finestre della scura casetta disabitata.

Quando venne anche l’autunno e i grandi alberi iniziarono a perdere le foglie, le case gialle, ocra e rosse si stagliarono orgogliose contro l’orizzonte richiamando i colori delle foglie, come dipinte direttamente dalla mano di Dio per ornare il paesaggio, ma ancora una volta la casetta nera sembrava fuori luogo, quasi estranea a quel borgo così felice.

Infine giunse anche l’inverno, che con la sua fredda luce e la foschia rese tutto indistinto e un po’ triste, mentre la neve ricopriva ogni cosa.
E poi ci fu il giorno della grande tormenta. La neve vorticava nell’aria mentre uno straniero sperduto cercava faticosamente di orientarsi in tutto quel bianco.
Era stanco, affamato e gli bruciavano gli occhi per lo sforzo di scrutare tra i fiocchi candidi che sembravano ricoprire ogni cosa.
Portava con sé un prezioso fagotto, coperto con cura per evitare che il freddo ne danneggiasse il contenuto.
Quando ormai iniziava a perdere ogni speranza di trovare un riparo, ecco svettare da lontano una macchia scura come la pece.
Lo straniero ne fece il suo faro, e seguendo quella macchia scura riuscì finalmente a trovare riparo nel villaggio.

Si stupì molto, quando scoprì che quella casetta dai muri neri che lo aveva salvato era vuota e subito chiese di andarci ad abitare.
Una volta acceso un bel fuoco scoppiettante nel camino, svolse con cura il suo fagotto.
Conteneva un prezioso tulipano nero, forzato a fiorire d’inverno e rarissimo.
La casetta nera provò un brivido di piacere nell’essere finalmente abitata e capì immediatamente di avere trovato una persona che andava a puntino per lee, come lei per lui.

Da allora la casetta splende di vita in ogni stagione, con rarissimi tulipani e iris neri che ne ornano i davanzali nella bella stagione e stupende stelle di neve che la ornano durante l’inverno mentre sul balcone, in una piccola serra, altri rari fiori neri si preparano per la prossima primavera.


    




22 commenti:

  1. ma che bella questa fiaba, però ora la casetta nera va colorata no? ;-) Un caro saluto, Giò

    RispondiElimina
  2. non amo il nero...ma la fiaba è molto bella!!!!! un abbraccio lory

    RispondiElimina
  3. Molto bella la fiaba!!! ciao e buon pomeriggio :)

    RispondiElimina
  4. Ok, ti faccio sapere che l'ho stampata, e stasera la leggerò a Nadia, quando saremo a letto. Ho prepararato un caffè prima di mettermi al pc, e l'ho letta con la tazza in mano...relax totale...
    Grazie per la favola post.
    Ma ti ho già chiesto se hai provato a farle pubblicare?
    Complimenti ad Anna per il disegno, anzi passo anche da lei.
    E' stupendo vedere collaborazioni tra bloggers.
    Un bacio!

    RispondiElimina
  5. Emanuela cara è meravigliosa sono felice di averti ispirata e spero mi permettersi di pubblicarla sul mio blog. E chissà cosa accadrà... Perché ho una gran voglia di illustrarla.

    Baci Anna

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Come sempre le tue fiabe mi incantano e mi portano in mondi lontani...grazie!!!

    RispondiElimina
  8. Che bella fiaba, complimenti!
    Elisa

    RispondiElimina
  9. Che bella fiaba, complimenti!
    Elisa

    RispondiElimina
  10. Ma che bella!!!! Mi ha fatto venire i brividi. E' da monito per tutte quelle persone che giudicano dalle apparenze senza valorizzare le persone per quello che sono e non per quello che ci aspettiamo che siano... Complimenti!

    RispondiElimina
  11. grazie per il tuo dolce commento al mio blog! un abbraccio grande Lory

    RispondiElimina
  12. Mi piacciono molto le tue fiabe…..
    grazie per la tua visita al mio blog!

    RispondiElimina
  13. Sono sempre un incanto le tue fiabe. Bravissima!

    RispondiElimina
  14. Sono sempre un incanto le tue fiabe. Bravissima!

    RispondiElimina
  15. Ciao, non conoscevo il tuo blog veramente molto bello... complimenti per le tue fiabe!! Buon sabato, un saluto, Ivana.. :-)

    RispondiElimina
  16. Veramente bella questa fiaba!!
    P.s.: grazie per aver visitato il mio blog

    RispondiElimina
  17. Veramente bella questa fiaba!!
    P.s.: grazie per aver visitato il mio blog

    RispondiElimina
  18. Bella, rilassante come tutte le tue fiabe.

    RispondiElimina
  19. Che bella fiaba, stasera la leggerò ai miei bimbi (che adorano le favole)...
    Ti ringrazio anche per essere passata da me (fatalunadream.blogspot.com )

    RispondiElimina
  20. Che bella fiaba, stasera la leggerò ai miei bimbi (che adorano le favole)...
    Ti ringrazio anche per essere passata da me (fatalunadream.blogspot.com )

    RispondiElimina
  21. Ma che meraviglia! Il tuo post oggi è cascato a fagiolo...sono in totale relax sul divano(cosa che non capita praticamente mai) e leggere la tua fiaba è stato un toccasana.
    Bacioni

    RispondiElimina
  22. Una fiaba che parla di casette, perfetta per un architetto e un bambino che da grande vuole fare il costruttore.
    Il tuo modo di scrivere mi piace molto, i dettagli danno forma e vita al tuo racconto.
    Grazie, la leggeremo insieme prima di andare a dormire.

    RispondiElimina